1

App Store Play Store Huawei Store

cosentino

VERBANIA - 10-06-2021 - La famiglia di Serena Cosentino, donerà tremila euro all'Istituto di Ricerca sulle Acque di Pallanza. I familiari della giovane ricercatrice deceduta nella tragedia della funivia del Mottarone, ha deciso così nel rispetto delle inclinazioni di una giovane "che non amava gli sprechi" e che tanto era contente di quella borsa di studio ottenuta al Cnr. E' stato così che per i funerali, i familiari hanno scelto di non far arrivare fiori, ma donazioni. E ne sono arrivate, tanto da sfiorare i 3mila euro che saranno devoluti al Cnr "dove la nostra Serena aveva iniziato il suo progetto come ricercatrice - scrive la famiaglia sui social -. Il mondo ha perso un grande talento e una grande donna. E noi abbiamo perso un gran pezzo di cuore. Ti ameremo sempre principessa". Nata a Diamante, in provincia di Cosenza, Serena in quel triste 23 maggio si trovava sulla funivia col fidanzato Mohammadreza Shahaisavandi, 33 anni, originario dell'Iran ma residente a Roma che era giunto a Verbania a trovarla. Lei al centro di ricerca sulle acque dolci di Pallanza svolgeva uno studio sulle micro e nanoplastiche grazie a una borsa di studio voluta dall'Unione industriali Vco con diversi enti locali e delle fondazioni comunitarie di Vco, Novara e Varese.

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.